Giureta - Rivista giuridica on line
Home · La rivista · Contatti · Criteri redazionali · Sistema di referaggioGennaio 26 2020 13:38:45
Diritto Pubblico · Diritto Privato Generale · Diritto Commerciale e dell'Economia · Diritto dei Trasporti e della Navigazione ed Internazionale e Comunitario · Osservatorio sul Diritto dei Trasporti
Navigazione
Volume XVII - 2019

Volume XVI - 2018

Volume XV - 2017

Volume XIV - 2016

Volume XIII - 2015

Volume XII - 2014

Volume XI - 2013

Volume X - 2012

Volume IX - 2011

Volume VIII - 2010

Volume VII - 2009

Volume VI - 2008

Volume V - 2007

Volume IV - 2006

Volume III - 2005

Volume II - 2004

Volume I - 2003

Osservatorio Euromediterraneo

Codice della Navigazione esplicato

Seminari e convegni

Giurisprudenza marittima in Sicilia

Sistema di referaggio

CLAUDIA MARIANI - Mors omnia solvit: la questione della risarcibilità dei <<danni da morte>>. Note a margine delle sentenze Borsellino e Cassarà.

 Mors omnia solvit: la questione della risarcibilità dei <<danni da morte>>.  Note a margine delle sentenze Borsellino e Cassarà.

di Claudia Mariani


Il lavoro affronta il tema del danno non patrimoniale, con specifico riguardo alla risarcibilità dei “danni da morte”. Lo studio prende le mosse dalle sentenze Trib. Palermo 12 novembre 2005 e Trib. Palermo 4 luglio 2007, che definiscono, in primo grado, le cause civili promosse rispettivamente dagli eredi del vice Questore Antonino Cassarà, e dagli eredi del Procuratore della Repubblica Paolo Borsellino. Il lavoro si propone di accertare quale sia esattamente la natura e la funzione del danno da morte, nelle sue diverse accezioni, di stabilirne l’eventuale configurabilità nel nostro ordinamento e successivamente di appurare a che titolo esso sia risarcibile: se iure proprio o iure ereditario. Il ragionamento si inserisce in un contesto più ampio volto ad analizzare, in un’ottica sistematica, la categoria generale del danno non patrimoniale e delle sue articolazioni, soprattutto del danno “esistenziale” e di quello “morale”. L’obiettivo è quello di chiarire l’ammissibilità di queste ultime alla luce della rilettura costituzionalmente orientata fornita dalle sentenze “gemelle” del 2003 (Cass. 31-5-2003, nn. 8827 e 8828) e di quella della Corte Costituzionale dello stesso anno (Corte. cost. 11-7-2003, n. 233). La riflessione si sofferma anche sul problema, di carattere squisitamente sistematico, della funzione della responsabilità civile, nonché sul problema, di natura dogmatica, del criterio di selezione del danno risarcibile, ossia dell’ingiustizia del danno. Alla luce dello studio compiuto, si dà conto dell’ordinanza (Cass. 25 febbraio 2008, ord. n. 4712) con la quale le Sezioni Unite sono state chiamate a dirimere, tra le altre, proprio la delicata questione del danno tanatologico.


Data di pubblicazione: 15 dicembre 2008



  
Login
Nome Utente

Password



Dimenticata la password?
Richiedine una nuova qui.
Shoutbox
Devi loggarti per scrivere un messaggio

Non sono stati scritti messaggi
Webmaster Gabriella Cangelosi e Lidia Undiemi

© Copyright 2008 Dipartimento D.E.T.A.