Giureta - Rivista giuridica on line
Home · La rivista · Contatti · Criteri redazionali · Sistema di referaggioGennaio 26 2020 13:04:02
Diritto Pubblico · Diritto Privato Generale · Diritto Commerciale e dell'Economia · Diritto dei Trasporti e della Navigazione ed Internazionale e Comunitario · Osservatorio sul Diritto dei Trasporti
Navigazione
Volume XVII - 2019

Volume XVI - 2018

Volume XV - 2017

Volume XIV - 2016

Volume XIII - 2015

Volume XII - 2014

Volume XI - 2013

Volume X - 2012

Volume IX - 2011

Volume VIII - 2010

Volume VII - 2009

Volume VI - 2008

Volume V - 2007

Volume IV - 2006

Volume III - 2005

Volume II - 2004

Volume I - 2003

Osservatorio Euromediterraneo

Codice della Navigazione esplicato

Seminari e convegni

Giurisprudenza marittima in Sicilia

Sistema di referaggio

CLAUDIO BONANNO - "La perdita di chance nel Diritto Privato". Brevi riflessioni: alcuni spunti dottrinali e giurisprudenziali.
La perdita di chance nel Diritto Privato”. Brevi riflessioni: alcuni spunti dottrinali e giurisprudenziali.


di Claudio Bonanno


Il presente lavoro si occupa dell’evoluzione del danno da perdita di chance nell’ordinamento Italiano, a partire dalla prima pronuncia giurisprudenziale sul finire degli anni ’70 fino ai giorni nostri. Vengono messi in luce i diversi dibattiti dottrinari e giurisprudenziali volti a individuare presupposti e limiti della tutelabilità della chance perduta. Viene soprattutto posto l’accento sul problema della qualificazione del danno da perdita di chance, passando dapprima attraverso la posizione di chi, in passato, riteneva che la chance costituisse un mero valore sociale, ma non anche un valore di mercato; proseguendo attraverso le teorie volte a ricomprendere il danno da perdita di chance nell’alveo del lucro cessante, con conseguente applicazione dei rigidi limiti di causalità di cui all’art. 1223 c.c.; approdando, infine, all’odierna mutata concezione del danno da perdita di chance (concezione che risente della “nuova” impostazione del sistema della responsabilità civile), secondo cui la chance costituisce una posizione soggettiva, del tutto autonoma rispetto all’utilità finale, e il danno, conseguente alla lesione della chance, è un danno presente, quindi danno emergente e non lucro cessante, suscettibile di autonoma valutazione economica.

Data di pubblicazione: 20 febbraio 2009


  
Login
Nome Utente

Password



Dimenticata la password?
Richiedine una nuova qui.
Shoutbox
Devi loggarti per scrivere un messaggio

Non sono stati scritti messaggi
Webmaster Gabriella Cangelosi e Lidia Undiemi

© Copyright 2008 Dipartimento D.E.T.A.